Istruzione

Come funzionano le scuole in Croazia? 

 

  • Le principali differenze sono nella durata, il sistema di votazione e i costi (notevolmente ridotti). 

In aggiunta, la scuola inizia molto presto (di solito i primi di settembre) per finire verso la metà di giugno. A favore di questa scelta però, le vacanze invernali durano quasi il triplo dei coetanei italiani, e il sabato non c’è scuola.

Oltre a ciò, sono presenti tantissime istituzioni scolastiche il cui insegnamento viene effettuato completamente in italiano, quindi niente paura, i vostri bimbi non verranno catapultati in un ambiente estraneo.


Istruzione primaria

 

In Croazia, le cosiddette elementari vanno dalla prima all’ottava: Quindi non c’è una vera e propria distinzione – come in Italia – fra elementari e medie.

I bambini hanno la possibilità di iscriversi a 6 o 7 anni.

Una volta finita l’istruzione primaria, non devono sostenere nessun esame per accedere a quella secondaria, ma è prevista una media dei voti degli ultimi 4 anni che andrà a costituire un punteggio per iscriversi alla scuola secondaria, quindi è bene tenere d’occhio i voti dalla quinta all’ottava classe, per non pregiudicare l’iscrizione alla scuola desiderata.

Le lezioni di solito iniziano alle 07:45 e si concludono alle 13:50

Le lezioni durano 45 minuti, e fra ogni lezione è prevista una ricreazione di 5 minuti, per permettere ai bambini di andare nell’aula successiva.


Curiosità: in molte scuole primarie è previsto l’uso delle ciabatte (si, quelle che si portano in casa) una volta arrivati a scuola. Il bambino così dovrà mettere all’interno del proprio armadietto le scarpe e utilizzare le ciabatte all’interno della scuola.


La pausa merenda (di solito dalla durata di 30-45 minuti) si svolge all’ interno della mensa, dove vengono serviti giornalmente gustosi pranzi sempre diversi e preparati in sede. Una volta che ha finito di mangiare il bambino può alzarsi e andare a giocare nel cortile, fino al richiamo della campanella.

Oltre ai soliti professori, ad ogni classe viene assegnato un capoclasse, il cui compito è occuparsi dei bambini e assicurarsi il loro benessere, discutere alle riunioni, ricevere i genitori ecc.

Specialmente nelle piccole città, sono spesso previste gite ed escursioni, e i bambini hanno accesso a varie attività extrascolastiche (sempre gratuite). Inoltre le scuole partecipano a gare sportive e concorsi letterari.

Ogni scuola in aggiunta ha un team psico-pedagogico.

Il materiale scolastico (libri) viene spesso fornito dalla scuola. In molti casi è inoltre prevista una visita medica annuale.

I voti vanno da 1 a 5 – dove 1 è insufficiente e 5 è ottimo. A differenza dell’Italia quindi, i bambini non potranno prendere un voto più basso dell’insufficienza.

Ricorda: se decidi di iscrivere tuo figlio in una scuola italiana, sappi che anche se le lezioni vengono svolte completamente in italiano, il croato c’è sempre come materia, ma comunque i professori saranno sempre disposti ad agevolare il bambino, che per la prima volta si approccia a questa lingua.

Il nostro consiglio comunque, è quello di non sottovalutare la costanza nell’apprendere il croato: una volta finita l’istruzione primaria, sarà fondamentale per il bambino conoscere la lingua.

Istruzione secondaria 

 

L’istruzione secondaria viene chiamata “scuola media”. Attenzione a non confondersi: se si parla di scuola media, in Croazia ci si riferisce alle nostre superiori.

In base al punteggio ottenuto, il ragazzo potrà decidere in che scuola iscriversi. Le tipologie e gli indirizzi sono analoghi a quelli italiani.

Anche qui, si può scegliere di iscrivere vostro figlio ad una scuola italiana.

La principale differenza con i coetanei italiani è che la scuola dura 4 anni, ed esistono indirizzi professionali dalla durata di 3 anni.

Di solito le lezioni iniziano alle 08:00 e finiscono alle 14:00 o alle 15:00, a discrezione della scuola.

Le lezioni durano 45 minuti ed è prevista una pausa di 5 minuti fra una lezione e l’altra, per poter cambiare classe. La ricreazione per la merenda dura in media 20 minuti, ed è a metà mattina.

Anche qui sono previste molte attività extrascolastiche, concorsi, gare, gite ed escursioni. Nella maggior parte dei casi i libri sono gratuiti e forniti dalla scuola stessa.

Anche in questo caso è previsto un team psico-pedagogico.


Curiosità: la maggior parte degli indirizzi prevede l’insegnamento di 4 lingue: italiano, croato, inglese e tedesco (in alcuni casi spagnolo o francese).


L’esame di maturità è forse la cosa che più spaventa i ragazzi, ma niente paura perché in Croazia è tutto un po più facile.

In breve, la maturità prevede il superamento di 3 prove scritte (non sono previste prove orali):

Italiano (per le scuole in lingua italiana), croato, e matematica o inglese (a scelta). Molto utile quindi avere già una buona conoscenza della lingua, come dicevo prima.

Si può scegliere fra due livelli di difficoltà: A o B, dove il livello A è “avanzato” e B “base”.

In Croazia sono previsti trasporti autobus per tutti i bambini, con particolari agevolazioni, anche nei paesini più remoti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *